Messina, Vistidalontano, Blog Scurria, Marcello Scurria, politica, enti locali, territorio, finanza locale Messina, Vistidalontano, Blog Scurria, Marcello Scurria, politica, enti locali, territorio, finanza locale marcelloscurria | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Messina e dintorni
La malattia autoimmune (politica) di Genovese e i garantisti a intermittenza.
post pubblicato in Diario, il 26 giugno 2013


Dopo averlo osservato al 'potere' e compreso nei 20 mesi di sindacatura  il perverso sistema clientelare che gli aveva consentito di fare il segretario regionaledel PD ed il 'proprietario' indiscusso del partito messinese, in solitudine, mi sono fatto da parte.

Non mi appassionava continuare a fare politica in un contenitore in cui contavano soltanto i numeri o, meglio, le tessere.

A quel tempo era ancora Sindaco e dopo qualche mese sarebbe diventato deputato.

A Luciano Violante, plenipotenziario di Veltroni incaricato di "seguire” la fusione a freddo dei due partiti in Sicilia (DS e Margherita) dissi: avete appaltato la Sicilia alla Margherita e svenduto la provincia di Messina alla famiglia Genovese.

Ai miei compagni Messinesi ho posto, inascoltato, una condizione: restare con la schiena dritta!

Sono trascorsi sei anni e tanta acqua e' passata sotto i ponti.

Quel sistema di potere, allora allo stato embrionale, e' cresciuto a dismisura sino a diventare un'infallibile macchina elettorale.

Numeri incredibili (primarie Bersani e nonsolo) che hanno fatto impallidire le Regioni rosse e lo stesso Bersani.

Mentre tutti i partiti tradizionali perdevano consensi, quello di Genovese, in controtendenza, aumentava ed aumentava.

I politici locali, uno dopo l'altro, chiudevano le tradizionali segreterie, Genovese, invece, era costretto ad ampliare i locali della già' grande sede di via 1° settembre.

Il meticoloso, quotidiano, instancabile, quasi scientifico,sistema di ricerca del consenso ha prodotto un’organizzazione quasi perfetta.

Una formidabile struttura, apparentemente in ottima forma, che sprizzava salute. Eppure, in questi casi, seppure raramente, si verifica qualcosa che ancora in tanti non riescono a spiegarsi. Il sistema immunitario dell' organismo che ci mantiene in salute, combattendo le infezioni, compie uno sbaglio e si rivolge contro l' organismo stesso.

Si tratta, in genere, della c.d. malattia autoimmune, in questo caso "politica ".

E' quello che è accaduto al gigante elettorale di via 1° settembre.

L'attacco che non è' riuscito agli agenti patogeni esterni (quasi nessuno e comunque innocui per la verità') ad un tratto e senza preavviso, è stato sferrato dai piccoli ma infiniti anticorpi del gigante che, allenati per combattere i virus esterni, impazziscono ed iniziano ad auto-aggredire il gigante. Inizia così una sorta di autodistruzione inarrestabile, senza possibilità' di cura.

Qualcuno dice che c'entra la genetica ma gli studiosi non ne sono ancora sicuri.

È' certo, invece, che oggi, tanti, tantissimi agenti chimici (virus e batteri), senza alcun pudore,si esaltano per la scoperta della grave malattia.

Sono gli stessi agenti che, magari, in questi anni si sono celati nel possente organismo, per alimentarsi, ingrassarsi, comunque consapevoli e ben disposti.

Ora il corpo e' malato ed è' facile infierire.

A costoro ed a tutti quelli che trovano motivo di godimento nelle malattie altrui, garantisti a intermittenza se non a convenienza, ricordo che è soltanto un avviso di garanzia.

Financo Genovese, di cui com'è' noto noncondivido nulla, ha il diritto, sino a prova contraria, di non essere giustiziato in piazza!

Lettera di Arturo Parisi ai delegati
post pubblicato in Diario, il 20 febbraio 2009


Cara Costituente, Caro Costituente,

Il modo in cui si é aperta la crisi, e ancor più il modo in cui dicono di averla già chiusa mi piace
sempre meno.
 Il rilievo della questione aperta, la gravità della condizione nella quale si trova il partito ci impone
di ripartire ora.
Assieme a chi pensa che si debba andare avanti ci batteremo perché la parola ritorni ai nostri
elettori attraverso
 le primarie.
Se prevalesse l'idea di eleggere il segretario direttamente in Assemblea, avanzerò la mia candidatura
in difesa della nostra idea di un Partito Democratico che riparta nel solco dell'Ulivo, e consentire così
una scelta nitida tra
linee politiche alternative. Questo é il momento delle scelte.
In un passaggio come questo di tutto ha bisogno il partito fuorché di un segretario provvisorio perché
 guidato da una linea provvisoria.

Arturo Parisi

APPUNTAMENTO:
Sabato, h. 9.30, tutti davanti alla Nuova Fiera di Roma (si arriva con il trenino metropolitano per Fiumicino
aereoporto) a rivendicare il diritto del popolo del Pd: scegliere il segretario prima delle elezioni.

Ma anche.......
post pubblicato in Diario, il 17 febbraio 2009


Si può perdere in Abruzzo ...... ma anche in Sardegna ....... ma anche alle Europee......ma
anche alle amministrative.....
Le dimissioni del Segretario sono state presentate ...... ma anche respinte...... ma anche irrevocabilmente ripresentate!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd veltroni abruzzo sardegna europee

permalink | inviato da emmesse il 17/2/2009 alle 17:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Il PD nella “mezz’ora” dell’Annunziata
post pubblicato in Diario, il 11 dicembre 2008


 

Aveva esordito qualche settimana fa
Sergio Chiamparino con la proposta
di varare subito un coordinamento del
partito democratico nelle regioni del Nord

Domenica è stata la volta dei Sindaci
di Firenze e Napoli.

Leonardo Domenici ha dichiarato "Vorrei
che il Pd diventasse un partito vero. Un
partito vero vuol dire strutturato, solido,
radicato sul territorio e capace di rappresentare
tutte le sue parti senza essere solo
una somma di correnti
".

Rosa Russo Iervolino gli ha fatto eco
"Vorrei un partito in cui gli organi
democratici si eleggono, dove si discute
come eravamo abituati nei partiti di
provenienza, dove si prendono decisioni
e se ci sono cose da contestare si contestano
".

La strada è a zig-zag e il futuro è luminoso !

Le tessere di ReD
post pubblicato in Diario, il 1 luglio 2008


Non si ferma il tesseramento di Red.
L' associazione di D' Alema, colpita dall' immediato esaurimento delle prime 800 tessere stampate, rilancia.
Sono stati ordinati allo studio grafico Beecom due preventivi per altre 5.000 o 10.000 tessere.
Martedì la scelta, poi il via alla stampa.
«All' indirizzo riformistiedemocratici@gmail.com arrivano continue richieste di iscrizione», dicono dallo staff di D' Alema.
La quota di iscrizione è 100 euro, 500 per i sostenitori, 50 per chi ha meno di 30 anni.

D'Alema riparte da ReD
post pubblicato in Diario, il 24 giugno 2008


 "ReD - spiega il presidente dell'associazione, De Castro - vuole essere un luogo di confronto per contribuire alla crescita di una nuova prospettiva riformista nel solco tracciato con la nascita del Partito Democratico. Uno strumento che ha l'ambizione di arricchire il processo di elaborazione che accompagna la costruzione e il radicamento del PD".

"ReD - prosegue De Castro - è una delle tante possibili occasioni attraverso le quali promuovere la riflessione, la discussione e l'iniziativa, mettendo insieme parlamentari, personalità del mondo delle istituzioni, della cultura e cittadini che sentono il bisogno di contribuire alla modernizzazione delle forme di organizzazione della politica nel nostro Paese. D'altronde ReD nasce oggi, ma va ad affiancare un'esperienza ormai decennale come quella della Fondazione Italianieuropei, interpretando un concetto alla base della formula organizzativa del PD: aprirsi alla società in forme nuove e plurali per affinare la capacità di ascolto e favorire la partecipazione alla riflessione. Una risorsa conclude De Castro - che alimenterà la capacità di risposta del PD per farlo tornare a vincere".

Sfoglia maggio        agosto
calendario
adv